“Makers” e l’inizio di una nuova rivoluzione industriale

di
Davide Bottino

Gli inventori del Terzo Millennio, ecco chi sono i Makers, un movimento culturale contemporaneo iniziato negli USA e nato come un’estensione tecnologica del tradizionale fai-da-te, un fenomeno moderno nato da un’esigenza antica: il desiderio di produrre o riparare, come i Lego che ci affascinano tanto da bambini e continuano ad appassionare anche da grandi. Punto di riferimento mondiale di questa cultura è il Maker Faire, l’evento creato dal magazine Make concepito per celebrare le arti, l’ingegno e la progettazione.

I makers si possono trovare in ogni campo, gli interessi dei makers, infatti, sono molteplici. Le loro realizzazioni vanno dalla robotica al design e ai dispositivi per la stampa 3D, ma rientrano in questo fenomeno anche attività più tradizionali come l’artigianato classico. È un movimento che dagli Stati Uniti presto si è sviluppato in tutto il mondo arrivando anche in Italia. Nel nostro Paese, un punto di riferimento di questo fenomeno sono le fiere annuali organizzate da Italia Crea: come Ludica (evento dedicato ai giochi da tavolo) oppure Makers Italy (la fiera dedicata all’inventiva ed ai progetti innovativi).

La rivoluzione dei Makers

Chris Anderson, colui che ha coniato il termine lunga coda” in un articolo su Wired e nel suo libro, Makers, ha teorizzato il fenomeno dei makers e previsto l’inizio di una nuova rivoluzione nel campo industriale e produttivo attraverso i nuovi paradigmi della tecnologia: crowdsourcing, open-source e stampa 3D. Ed è l’innovazione della stampa 3D che promette di essere il motore del cambiamento industriale del nostro tempo; come le macchine a vapore hanno segnato profondamente l’industria e l’economia tra la fine del ‘700 e la prima metà dell’800, così la stampa 3D permetterà di ridurre i costi di produzione, supportata dall’utilizzo di tool e di design open-source. Basti pensare ad un architetto che potrà ridurre sensibilmente l’effort ed i costi nella realizzazione di modellini dei suoi progetti.

Fin dal principio, Lime5 – The Innovation Agency ha fatto propri i princìpi alla base del fenomeno dei makers, di open-source, crowdsourcing, le sue scelte strategiche sono da sempre ispirate all’innovazione in ogni sua forma: il suo mantra!

 

Tags: , , , , , , , ,

Leave a Reply

Connect with Facebook